Pietro James Pastonesi

 

Chi sono

Sono Pietro James Pastonesi, sono nato a Milano dove ho sempre vissuto, studiato e lavorato.

Ho iniziato a studiare psicologia perché ero convinto di lavorare in ambito sportivo. Ero entrato in contatto - come atleta - con i, futuri, colleghi di Psicosport

 

Ma dopo qualche anno di studi, di incontri con docenti eccezionali e le prime esperienze di tirocinio, ho capito che a interessarmi di più erano i racconti delle persone, le loro storie, il loro vissuto. Così ho intrapreso la magistrale in psicologia clinica, indirizzato - comunque - a un'ulteriore formazione verso la psicoterapia.

Nel 2018 ho terminato quattro intensi anni di seminari, supervisioni, incontri nazionali e internazionali che mi hanno portato a essere riconosciuto come psicoterapeuta, con un orientamento psicodinamico e, più precisamente, psicoanalitico relazionale.

Ho continuato, sempre nello stesso istituto, a studiare e dopo altri due anni sono diventato psicoanalista IsipSè.​

Pensavo di fermarmi, invece no!

Da febbraio 2020, causa pandemia e blocco quasi totale di tutte le attività didattiche in presenza, ho iniziato un nuovo corso con base a New York, ma rivolto a psicoterapeuti di qualsiasi nazione.

Sono abilitato alla pratica dell'EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing).

Ho conseguito, all'inizio della mia pratica clinica, un master in psicodiagnosi presso IRPSI.

Sono socio IARPP e IAPSP dal 2017, organizzazioni internazionali che permettono un costante e fondamentale confronto.

 

Che cosa tratto

Ansia

L'ansia di per sé non è un disagio, ma una sensazione e un'emozione che fa parte di noi da sempre. Utile -in una certa dosa - diventa un disagio quando non rientra più nel nostro controllo: quando straborda e imprigiona, quando blocca e sovrasta. Si manifesta in molte forme, dall'attacco di panico alle fobie, dalle ossessioni ai disturbi del sonno.

Depressione

Bisogna distinguere la tristezza - un'emozione - dalla depressione: una condizione invalidante che pervade e appiccica, lega e annienta. I sintomi più frequenti sono scarsissime motivazioni nelle situazioni di vita quotidiana, a iniziare la giornata lavorativa o lo studio, le uscite con gli amici e il rapporto con il proprio partner. Umore basso e zero appetito, nessuna voglia.

Relazioni

Le relazioni hanno una funzione fondamentale nella nostra vita. Non è un caso che siano un indicatore del nostro benessere. Non riuscire a stare più con una persona, non tollerare gli altri, la rabbia e la paura, il fastidio e l'attrazione non sono più gestibili negli scambi con chi ci sta più vicino. Rapporti che non vanno più bene, ci sentiamo stretti e ingabbiati, o distanti e persi. Avvertiamo il nostro spazio come violato, stretto, non più sufficiente.

Sofferenza e malessere

Situazioni di vita sempre più al limite, orari di lavoro folli, distanze con la propria famiglia che sembrano essere incolmabili, il piacere che si è perso in un mare di doveri... si perdono dei pezzi, parti che ti caratterizzavano non sembrano più esserci. Stai male? "No, forse, non mi riconosco, non mi trovo più..." Come se non ci si potesse ammettere...

Trauma

Il trauma è uno squarcio, causato da un colpo da KO: una violenza - o una serie - fisica o verbale, un incidente, un'operazione, un attacco. lo squarcio strappa via una parte, che rimane in un angolo come se fosse invisibile, deve esserlo. Si vive, ma non a pieno: si può recuperarla. Iniziando a raccontare, oltre alla vergogna o all'angoscia, oltre alla paura e al terrore, ricucendo di nuovo insieme l'emotività e l'evento.

Nuovi significati ed equilibri

Le situazioni vecchie e solide, abitudinarie e sicure si scoprono non così solide e sicure. Vacillano. Si inizia a rivalutare, si inizia a vedere con altri occhi quello che ci circonda. Senso di colpa, voglia di scomparire, paura di scoprire e timore verso a un cambiamento che sembra inevitabile. A volte si può fare anche da soli, a volte no: un confronto, un sostegno, un aiuto possono essere nuovi mezzi per accedere a nuovi significati ed equilibri.

 

Contatti

Via Cesare Beccaria, 5

20122 - Milano

3389748567
pietrojpastonesi@gmail.com

Pietro James Pastonesi

©2019 Pietro James Pastonesi - Via Cesare Beccaria, 5 - 20122 Milano - piva 08065100961